#iltuolavoro

#ipostidellavoro contest promosso da Cgil del Trentino e MediaCivici

Scegli una storia del tuo profilo su Stories (  ) ed inviala a questa rivista. Regolamento su iltuolavoro.mediacivici.it/partecipa

#ilmiopostodilavoroèlamiatesta

#ilprogettoèilmiolavoro

Il mio lavoro è stra-ordinario! Il mio lavoro si occupa di progettare. Un progetto è un'attività fuori dall'ordinarietà di un ente o individuo che si sviluppa in un tempo e luogo definito, seguendo delle attività organizzate in fasi volte al raggiungimento di un obiettivo finale.

Di prima mattina un'evasione generale delle mail mi apre una pista di finanziamento per un progetto di archivismo vinto, ma sul quale mancano alcune risorse, la seguirò! La mattinata prosegue chiudendo la rendicontazione del progetto annuale dell'associazione che si occupa di biciclette che ho co-fondato nel 2009 e sopralluogando la sede del nuovo progetto in apertura, mi piacciono le tabelle e il miminal! Per pranzo vado con una collega in una locanda gestita con inserimenti lavorativi, con la responsabile troviamo alcuni progetti su cui chiedere finanziamento, che gnocchi speciali! Nel primo pomeriggio intorno a un tavolo di un palazzo che sa di sapere si delineano le procedure per rispondere a un bando nazionale, un progetto ambizioso sopratutto di rete territoriale, che il Gantt ci aiuti! Poi si vola a Trento, usando la macchina come cabina telefonica per trovare un formatore da inserire in un progetto di arredo di riuso da esterno. In città, in un'aula seduti in cerchio per facilitare la comunicazione si continua il progetto di riqualificazione della Piazza della Chiesa del Concilio con i temi dell'economia solidale. Ho poi salutato una delegazione dei Gruppi di acquisto solidali con cui abbiamo visto rimandare all'ultimo un appuntamento per progettualità future con un importante personaggio. Risalendo sul mezzo che condivido in car sharing con un'altra progettista sento delle persone, per progettare un intero sabato o solo un caffè insieme. Poi capisco che l'ora di discesa mi permette di andare a correre con il gruppo Project Run, la giornata finirà in bellezza! Arrivo a casa e aderisco a questo progetto di scrivere una storia sul proprio lavoro, è una proposta che mi ha lanciato un'amica che stimo, perché non coglierla?

Ogni mia frase di questa storia contiene la parola progetto perché essi caratterizzano la mia vita, professionale e non. E ogni progetto che seguo mi fa semplicemente pensare agli occhi di chi lo anima, in ordine: un educatore, un filmaker, un presidente, un tecnico, un architetto, un'agricoltrice sociale, un cameriere, un falegname, un pedagogo, una direttrice, un capannista, un'ortolana, un bibliotecario, un ex-sindaco, un politico, una sorella, un bartender, una coach, una masterizzata.

Ogni progetto vive di persone e relazioni.

E' per me un'onore sistematizzarli, implementarli, coordinarli, monitorarli e rendicontarli: per cambiare un po' il mondo, sempre in meglio.

Lavorare per progetti è una scuola di vita, forse necessaria a realizzare anche il proprio di progetto di vita.

Il mio non è un certo un lavoro stabile, indeterminato e sicuro, ma è #ilmiolavoro e mi rende felice.