La storia delle storie

Le storie fanno parte di noi, ci rendono umani

Da sempre le storie accompagnano l'umanità.

Non possiamo averne la certezza, ma tutto ci spinge a pensare che anche i nostri lontani antenati amassero la storie quanto le amiamo noi.

Storie raccontate attorno al fuoco o storie illustrate sulle pareti delle caverne.

Le storie sono un potente mezzo di trasmissione di conoscenza, ci aiutano a comprendere meglio la realtà che ci circonda, sono un esercizio di immaginazione, sia per chi le racconta che per chi le ascolta. Ogni storia ci permette di entrare nella vita di qualcun altro, di far parte, anche solo per un poco, di una realtà diversa. Ogni storia ci abitua a domandarci, “e se...?”

Ogni buona storia ci insegna qualcosa, ci mostra un aspetto del mondo che non conoscevamo, un punto di vista differente. Le storie ci aiutano a sviluppare empatia, coinvolgono i nostri sentimenti e la nostra intelligenza.

The pen is mightier than the sword and considerably easier to write with. MARTY FELDMAN

Noi amiamo le storie e da questo amore per le storie è nata Stories, una piattaforma per raccontare storie con la stessa passione con cui i nostri antenati le raccontavano attorno al fuoco e per farsele raccontare con lo stesso rapimento con cui le ascoltavamo da bambini.

Le storie sono sempre le stesse eppure sempre diverse.

Gli strumenti che abbiamo a disposizione sono invece cambiati nel tempo, dal solo racconto orale si è passati alle immagini, alla scrittura e più recentemente alla fotografia e al cinema.

Ora tutti questi strumenti possono convivere, frammentando una storia in pezzi non omogenei che si ricombinano in un senso unitario. Una storia può essere fatta di parole scritte, di voci, di musica, di immagini fisse o in movimento.
Ogni parte aggiunge qualcosa al significato globale della storia, contribuisce a ricostruirne il senso.

Perché non un blog?

Stories non è un blog, così come una storia non è un post.

Stories è una raccolta di storie.

Un post su un blog o un aggiornamento di status su un social network sono strettamente ancorati al presente. Entrambi vivono e acquistano senso nel momento in cui vengono scritti. Il contesto è così importante che spesso un post perde di significato se viene letto a distanza di tempo da quando è stato scritto e ciò è ancor più vero per i post sui social network. Essi vivono nel presente.

Una storia attraversa il tempo.

Non significa che non sia ancorata ad un preciso momento, vuol dire piuttosto che può essere fruita e goduta anche a distanza di tempo conservando intatta la sua ricchezza di significato.

Un blog è come un quotidiano. Un vecchio articolo di giornale è interessante solo per chi fa ricerche storiche e spesso per comprenderlo deve immergersi nel contesto temporale in cui è stato scritto. Le persone e i fatti citati sono magari stati dimenticati e così l'articolo stesso diventa inutile se non si affianca alla sua lettura un'ulteriore ricerca presso altre fonti che permetta di ricostruire con completezza il contesto di una vicenda.

Una storia è un racconto, una fiaba, un romanzo. Il contesto è contenuto nella storia stessa. Possiamo amare le storie narrate da Omero anche senza immergerci in una ricerca storica sull'antica Grecia. Una storia, una buona storia, mantiene il suo valore inalterato nel tempo.

Per questo non privilegiamo l'ordine cronologico che è solo uno dei possibili modi di esplorare le storie.

Che tipo di storie?

Questo dipende solo da voi. C'è spazio per storie vere, momenti di vita reale, racconti di viaggi, inchieste giornalistiche e storie di fantasia.

L'importante è che sia una storia e come tale contenga al suo interno tutti gli elementi che la rendono autonoma, godibile anche se isolata dal contesto.

Ma come si scrive una storia?

Non pretendiamo certo di insegnare scrittura creativa o giornalismo, ma qualche piccola indicazione la possiamo dare.

Sia che vogliate usare uno stile giornalistico o sbizzarrirvi nella scrittura creativa suggeriamo sempre di fornire all'interno della storia tutto il necessario per ricreare nella mente del lettore il contesto della vicenda.

Ma perché Stories?

L'amore per le storie, lette, guardate, ascoltate, raccontate è così profondo che abbiamo deciso di dar vita a una piattaforma specifica dedicata a loro.

Molti degli aspetti salienti di Stories si chiariranno col tempo, mano a mano che rilasceremo le prossime versioni in cui attiveremo alcune funzionalità che rendono Stories unica.